208

L’indigeribile

La carne industriale si sta mangiando il Pianeta. E il nostro futuro. Intervista esclusiva all’economista Raj Patel Ottobre 2018 Versione digitale

Acquistando la versione digitale di Altreconomia, hai subito la possibilità di leggere il numero in formato PDF o EPUB. Inoltre, hai accesso sul sito a tutti i contenuti relativi al numero acquistato.

Prezzo: 2,69

AbbònatiIn negozio

In questo numero:

Così la carne industriale si sta mangiando il Pianeta. Intervista all’economista Raj Patel: “È il mondo a buon mercato”;

– Bassi stipendi, precarietà e minacce. Le insidie del lavoro dei giornalisti. Il ritratto di una professione in radicale trasformazione e con molti più punti di debolezza rispetto al passato;

Reportage dall’Iraq: così il Paese dei fiumi sta perdendo il suo patrimonio. I cambiamenti climatici e l’impatto delle grandi dighe in costruzione in Turchia e in Iran mettono a rischio il Tigri e l’Eufrate;

Le proteste della società civile infiammano il Niger: in piazza contro l’autoritarismo del governo e la sua politica di austerity;

Spagna, la porta d’Europa per le nuove rotte migranti. Reportage da Tarifa, la più meridionale città dell’Andalusia, dove approda chi ha attraversato lo Stretto di Gibilterra partendo dal Marocco;

Plastica usa e getta: l’ambiente e i bilanci ne risentono ancora. Vaschette, vassoi, pellicole e flaconi opacizzati abbondano sugli scaffali ma riciclarli è difficile;

Esplorando l’Ecuador, 170 anni dopo. Viaggio nel polmone del Pianeta. Siamo tornati sui passi (rivoluzionari) dell’esploratore italiano Gaetano Osculati;

– Sovranità alimentare e turismo responsabile: le nuove sfide di Cuba. Ancora oggi l’isola importa oltre il 60% del cibo che consuma. C’è chi pratica un modello alternativo;

Terzo settore: il cantiere aperto a due anni dalla legge di riforma. Dotarsi di nuovi strumenti e fare chiarezza sulla natura delle organizzazioni sono passaggi essenziali per guardare al futuro;

– Andrea Staid. L’antropologia, sapere di frontiera. Scrittore e docente, critica il concetto di multiculturalismo -che crea ghetti e barriere- a favore del meticciato;

– Anna Chiara Cimoli. Il museo è di tutti. Gli spazi espositivi non sono soltanto contenitori di oggetti ma luoghi di storie che devono prendere una posizione netta rispetto all’attualità;

e tanto altro ancora…

Contenuti in questo numero