Esteri / Reportage

L’Iraq senz’acqua: così il Paese dei fiumi sta perdendo il suo patrimonio

I cambiamenti climatici e l’impatto delle grandi dighe in costruzione in Turchia e in Iran mettono a rischio il Tigri e l’Eufrate. Attentando così all’integrità delle paludi mesopotamiche, una delle più grandi zone umide al mondo

Tratto da Altreconomia 208 — Ottobre 2018
Le paludi di Chibayish, in Iraq. © Arianna Pagani

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia