Cultura e scienza / I nostri libri

Sapessi com’è strano pensare di cambiare Milano

In un momento decisivo -tra la pandemia e le elezioni- raccontiamo attraverso 20 autorevoli voci la Milano che vorremmo: per aprire il dibattito e pensare una città più autentica e democratica, che vada oltre il suo storytelling

Tratto da Altreconomia 236 — Aprile 2021
© Fernando Meloni - Unsplash

“Auspico che Milano sia una città in cui il modo di pensare diffuso coincida con la Costituzione e rappresenti un avamposto per la sua realizzazione”. Gherardo Colombo chiude così la sua conversazione in “Milano siamo noi”. Un libro fresco di stampa che racconta la Milano che vorremmo, attraverso 20 “voci civili”, a volte critiche e perfino feroci, ma sempre affettuose.

Che città è Milano? Capitale morale e amorale, incensata da molti e vilipesa da alcuni, scintillante, smart&green nel dopo Expo, ma con tante ombre, dall’inquinamento alle diseguaglianze. Un manipolo di personaggi della cultura e della società civile la mettono a nudo in queste pagine, con tutte le sue complessità e le sue contraddizioni e affrontano i temi chiave per la città.

Il brand Milano e la sua crisi identitaria post industriale, la necessità di cambiare “narrazione” della città, senza timore di includere dissonanze e diversità. L’importanza di un ecosistema urbano che favorisca un’innovazione culturale non “fighetta”. Le grandi scelte urbanistiche, come un “piano case” di edilizia popolare che vada oltre il caro-affitti e  la gentrificazione, il consumo di suolo. La promozione dei diritti, che rimetta al centro le periferie, gli invisibili della città, l’altra metà del cielo e le “persone” di ogni genere, nazionalità e abilità.

Per immaginare -con la regia pubblica e la partecipazione di tutti- una città libera dal virus, dallo smog e dalle mafie. Un libro, infine, che vuole non chiudere ma aprire un dibattito per una Milano aperta, senza paura, ispirata -appunto- alla nostra Costituzione.

Ne parlano, con il fil rouge ben saldo nelle mani di Angelo Miotto e del sottoscritto,  Gherardo Colombo, Bertram Niessen, Stefano Rolando, Massimo Guastini, Luca Beltrami Gadola, Paolo Pileri, Claudio Calvaresi, Federica Verona, Gabriele Pasqui, Luciano Gualzetti, Mario Portanova, Danilo De Biasio, Luca Paladini, Assunta Sarlo, Matteo Bartolomeo, Carolina Pacchi, Franz Purpura, Valerio M. Visintin.


Storie di riciclaggio
“Il giro dei soldi”: dove finiscono i capitali sporchi

“Segui i soldi”: la massima di Giovanni Falcone è sempre attuale, soprattutto se si parla di riciclaggio. Lo fanno in questo libro -che passa dal registro della crime story a quello del saggio- David Gentili, presidente della Commissione comunale antimafia del Comune di Milano, Ilaria Ramoni e Mario Turla, attivisti ed esperti di legalità e antiriciclaggio. Un viaggio che passa da Milano al Delaware, inseguendo i capitali sporchi, le connessioni con la criminalità organizzata e con l’evasione fiscale, i paradisi fiscali, le speculazioni edilizie, i locali di lusso, ma anche la normativa di riferimento e le misure di prevenzione.

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.