Cop_AE_171

171

Milano, la città èqua

Maggio 2015 Versione digitale

Acquistando la versione digitale di Altreconomia, hai subito la possibilità di leggere il numero in formato PDF o EPUB. Inoltre, hai accesso sul sito a tutti i contenuti relativi al numero acquistato.

Prezzo: 2,69

Esaurito

AbbònatiIn negozio

Altreconomia dedica la copertina del numero di maggio alla World Fair Trade Week, la settimana mondiale del commercio equo che vedrà -dal 23 al 31 maggio- Milano ospitare tra le altre iniziative la conferenza biennale della World Fair Trade Organization e -nei giorni dal 28 al 31 maggio- Milano Fair City, fiera internazionale del commercio equo e solidale.
Su Altreconomia, oltre al programma completo della settimana, presentiamo i produttori presenti alla fiera (62, da 29 Paesi), raccontiamo i nuovi progetti degli importatori italiani aderenti ad AGICES-Equo Garantito, i numeri del commercio equo e solidale italiano, e dedichiamo un approfondimento su fiere ed eventi paralleli che a maggio si terranno a Bologna, Treviso, Savona e nelle Marche.
Il dossier si conclude con un articolo dedicato a Milano, città in movimento: il capoluogo lombardo sta approvando una Food Policy, ed ha raggiunto risultati importanti per quanto riguarda le politiche di gestione dei rifiuti organici e di accoglienza ai profughi.

La seconda parte della rivista ospita tre articoli dedicati a temi ambientali. Nel primo, “presentiamo” al lettore Gian Luca Galletti: il ministro dell’Ambiente in carica è tra i meno attivi dell’esecutivo, dai cui atti l’ambiente pare in secondo piano; nel secondo, affrontiamo il tema degli aeroporti, tra grandi e piccoli scali: in Italia volano 150 milioni di passeggeri, ma le piste potrebbero ospitarne fino a 245 milioni… eppure in pochi accettano l’ipotesi di chiudere uno scalo; infine, parliamo di “flotte aziendali”, un comparto che ormai costruisce il 40% del mercato delle auto: la normativa italiana non incentiva la scelta di veicoli sostenibili.

C’è poi un articolo dedicato al crowdfunding: dieci anni fa, nasceva come “modello” per finanziare in modo diffuso progetti culturali autoprodotti. Oggi è un mercato che vale 16 miliardi di dollari, e che si occupa anche di raccolta di capitale.

Infine, in vista delle Social Cohesion Days in programma a Reggio Emilia dal 4 al 6 giugno, intervistiamo Paolo Graziano, docente della Bocconi, sull’importanza di pratiche di coesione contro la disuguaglianza e l’emarginazione che minacciano la società.

Contenuti in questo numero