Diritti / Attualità

La struggente bellezza della città dei pochi

Dopo il devastante terremoto in Sicilia del 1693, Noto fu ricostruita su un altopiano a 15 chilometri di distanza. Il popolo si oppose, senza successo
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
© Andrea Schaffer via Flickr
© Andrea Schaffer via Flickr
Sicilia 1693. Dopo una serie di scosse sempre più forti, il terremoto della mattina dell’11 gennaio rase al suolo trentacinque città e ne danneggiò gravemente altre venti (tra cui Siracusa), causando la morte di circa sessantamila persone, delle quali diecimila nella sola Catania, che fu devastata anche dallo tsunami che seguì. Il Viceré spagnolo affidò a Giuseppe Lanza duca di Camastra il ruolo che oggi si definirebbe di commissario alla ricostruzione, mettendogli a disposizione mezzi e uomini e costruendo una...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia