Una voce indipendente su economia, stili di vita, ambiente, cultura
Cultura e scienza / Recensioni

La pagina dei librai (da Altreconomia 265)

Le recensioni del numero di dicembre 2023 sono a cura di Mauro Pompei di “Lo Spazio”, una libreria indipendente (e resistente da vent’anni) con sede a Pistoia con dentro molte altre cose: un bacaro veneziano, una piccola sala espositiva, un pianoforte, un gradinata per presentazioni, laboratori, eventi

Tratto da Altreconomia 265 — Dicembre 2023
Libreria Lo Spazio, Pistoia

Le recensioni del numero di dicembre 2023 sono a cura di Mauro Pompei di “Lo Spazio”, una libreria indipendente (e resistente da vent’anni) con sede a Pistoia con dentro molte altre cose: un bacaro veneziano, una piccola sala espositiva, un pianoforte, un gradinata per presentazioni, laboratori, eventi. “Lo Spazio” è ormai diventata uno dei punti di riferimento della vita culturale cittadina, grazie anche alle collaborazioni avviate con altri soggetti e associazioni culturali della città. “Una premessa -scrive Mauro Pompei- sappiamo già come va il mondo governato da signori, maschi, di una certa età. Proviamo a immaginarne un altro con donne e uomini diversi”.

Saggio
L’attualità di Carla Lonzi

Un testo centrale per la storia del femminismo (non solo italiano) è tornato finalmente in libreria ribadendo, ancora una volta, la sua attualità e urgenza, nonostante sia un titolo pubblicato per la prima volta nel 1970. Questo volume ha la forza della sua autrice, Carla Lonzi. Nata a Firenze nel 1931, militante e intellettuale, scrittrice e critica d’arte, la sua è una figura che dovrebbe essere annoverata tra le pensatrici più vive e radicali del nostro Paese. Ed è proprio la radicalità del “pensiero contro” di Carla Lonzi che ancora oggi spiega perché leggere le sua opere sia fondamentale: non solo per guardare al passato e all’evoluzione del movimento femminista, ma soprattutto per realizzare quel “presente” di cui scrive nelle pagine finali di “Sputiamo su Hegel e altri scritti” in un Paese in cui la consapevolezza di genere è (purtroppo) ancora molto lontana.

Sputiamo su Hegel e altri scritti“, Carla Lonzi, La Tartaruga, 144 pagine,  16 euro


Romanzo
Un racconto di ossessioni

Il romanzo (che esce per la serie “Le fuggitive” di NN dove si propongono storie di donne in fuga, alla ricerca della libertà e di una rifondazione della propria esistenza) è una potente macchina narrativa di ossessioni per il cibo, per il sesso, per i corpi e per l’amore. La sua traduttrice, Chiara Manfrinato, scrive che nella difficoltà di rendere in italiano la prosa esplosiva e debordante dell’autrice, Melissa Broder, ha provato a rendere anche “i sapori, gli odori, le consistenze e i suoni. Del resto, come dicevo a un mio amico, è un libro fatto per il 60% di cibo, per il 30% di sesso e per il restante 10% di ebraismo e mommy issues”. In questa capacità di scrittura multisensoriale emerge in modo netto e preciso che la felicità (se esiste) è tutta nel trovare se stessi anche, e soprattutto, nel non essere conformi, allineati e “normali” a ogni costo.

Affamata“, Melissa Broder, NN, 288 pagine,  18 euro


Poesia
Versi che raccontano l’oggi

In un mondo diverso da questo sarebbe bello che, finalmente, crescesse in maniera insensata il numero dei lettori di poesia. Potrebbero cominciare da questa silloge, “Alveare”, per capire in che modo scrivere ancora dei versi che raccontano l’oggi senza dimenticare la lunga tradizione che abbiamo alle nostre spalle. Il mondo visto da Elisa Ruotolo, classe 1975, è un gigantesco alveare in cui ogni esistenza ha un ruolo e un destino ingiustificabili. Ognuno di noi, guardato dall’alto, è come un’ape: febbrile, follemente laboriosa, spesso crudele e sottomessa a irragionevoli geometrie. “Io, creatura della costruzione – mentre riempio vuoti / o misuro perimetri, mentre disegno l’esagono perfetto / in cui lo spazio non si pieghi al sacrificio / ma all’utilità – la maneggio cautamente / ricordando che ogni asilo / cauterizza il vagabondaggio / e che credere in una casa significa / ipotizzare Dio”.

“Alveare“, Elisa Ruotolo, Crocetti editore, 96 pagine, 12 euro


In breve, sette titoli da non perdere:

  • Trilogia della città di K, Ágota Kristóf, Einaudi
  • Il femminismo è per tutti, bell hooks, Tamu
  • C’è modo e modo di sparire. Poesie 1945-2007, Nina Cassian, Adelphi
  • Maestoso è l’abbandono, Sara Gamberini, Hacca edizioni
  • Femminili singolari, Vera Gheno, Effequ
  • La figlia dell’insonnia, Alejandra Pizarnik Crocetti Editore
  • Non siamo angeli, G.Risari e A.Baladan, Settenove

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.