Una voce indipendente su economia, stili di vita, ambiente, cultura
Cultura e scienza / Attualità

Errichetta Festival XII: a Roma un viaggio musicale tradizionale

Dal 7 all’11 dicembre arriva a Roma la dodicesima edizione di Errichetta Festival, la grande festa della musica tradizionale. Cinque serate di concerti che porteranno il pubblico in un viaggio tra tradizioni musicali di tutto il mondo, dalla Grecia all’Iran, dal Libano alla Corsica, passando dal Friuli e dalla Sardegna fino ad arrivare alla Bulgaria

Coro femminile bulgaro dell'accademia di Shiroka Laka

Dal 7 all’11 dicembre arriva a Roma la dodicesima edizione di Errichetta Festival, la grande festa della musica tradizionale. Cinque serate di concerti che porteranno il pubblico in un viaggio tra tradizioni musicali di tutto il mondo, dalla Grecia all’Iran, dal Libano alla Corsica, passando dal Friuli e dalla Sardegna fino ad arrivare alla Bulgaria.

“Errichetta Festival è un progetto artistico che propone riscritture della musica popolare”, spiega Fausto Sierakowski, uno degli organizzatori. “Vogliamo portare al pubblico creazioni originali basate su suoni, strumenti e danze, creando ponti di incontro tra culture solo apparentemente distanti”.

Il festival è nato, quasi per gioco, dodici anni fa da un gruppo di amici appassionati di musica balcanica, gli Errichetta Underground, e negli anni è cresciuto grazie all’aiuto di tanti volontari e del passaparola. È un evento contemporaneo che tenta di innovare tradizioni musicali anche molto antiche: gli artisti invitati sono spesso maestri della loro disciplina e strumento, ma poco conosciuti oltre le loro Regioni. Si tratta quindi di un’occasione unica per conoscere nuove musicalità. È importante ricordare che gli organizzatori non hanno fine di lucro e che il festival in questi anni ha ospitato più di 500 artisti. 

“L’interesse per un festival del genere non è fare un evento post-veltroniano”, continua Sierakowski, “perché c’è un significato oltre il folklore. Come musicisti curiosi viaggiamo per tutto il continente e soprattutto il Mediterraneo, scoprendo le tradizioni di differenti culture che contribuiscono a formare le nostre identità al di là dei nazionalismi e delle chiusure che ora vanno per la maggiore in Europa”. 

La programmazione di Errichetta Festival è il frutto di una sintesi tra musicisti italiani e internazionali di alta rilevanza artistica e giovani ensemble emergenti che presentano in anteprima creazioni originali. Tra gli artisti che si esibiranno al festival, spiccano il gruppo Toranji Special Project, che propone una rielaborazione della musica classica persiana, il Coro femminile dell’Accademia nazionale bulgara di Shiroka Laka, che interpreta la polifonia femminile bulgara, e i Tenores di Orosei, che reinterpretano il canto a tenore sardo. “Quest’anno abbiamo voluto dare particolare attenzione alla polifonia”, spiega Sierakowski. “La presenza del Coro femminile dell’Accademia nazionale bulgara di Shiroka Laka è un’occasione unica per ascoltare una delle espressioni musicali più affascinanti al mondo”.

Tra gli altri progetti: Anutis parte dalla composizione “Cantata per Pier Paolo Pasolini” di Giovanna Marini, che viene reinterpretata da Laura Giavon, Juliana Azevedo, Alba Nacinovich, Caterina De Biaggio, affondando le radici nel Friuli, terra di origine dello scrittore.

Evgenios Voulgaris, interprete della musica bizantina e ottomana, insieme a Fausto Sierakowski, Ilias Mantikos, Alexandros Rizopoulos darà vita a “Tra le Zurne e i daouli”, un concerto esplosivo fatto di danze e canzoni sulla musica greca tradizionale. 

Il duo composto da Salvatore Morra, etnomusicologo e suonatore di oud, e Marzouk Mejri, polistrumentista tunisino, incentra la sua ricerca sul repertorio arabo del mālūf, musica urbana di origine arabo-andalusa.

Il festival sarà accompagnato da tre seminari gratuiti che si terranno al Teatro Italia in collaborazione con Istituto italiano per il Medio ed Estremo Oriente (Ismeo). I seminari saranno dedicati alla musica iraniana, alla musica modale e alle tradizioni musicali arabe levantine. “Sono un’occasione per approfondire le conoscenze musicali e per conoscere i musicisti che si esibiranno al festival”, conclude Sierakowski. 

Tutte le informazioni sono su errichettafestival.com.

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.