Interni / Varie

Brebemi, quando l’autostrada ha sempre ragione

La prima arteria ad alta percorrenza realizzata "senza soldi pubblici" si conferma una favola. A poco più di un anno dalla sua inaugurazione, infatti, l’infrastruttura che collega Brescia a Milano ha ricevuto dal Comitato interministeriale per la programmazione economica (Cipe) altri 320 milioni di euro di denaro pubblico. Che si aggiungono alle garanzie di Cassa depositi e prestiti e Banca europea degli investimenti. Una decisione mediaticamente "coperta" dall’annuncio sulla Banda larga

A poco più di un anno dall’inaugurazione, la Brebemi -l’autostrada che (teoricamente) collega Milano e Brescia da realizzarsi “senza soldi pubblici”- riceve nuovi finanziamenti dallo Stato e da Regione Lombardia. Ne è la prova la decisione del Comitato interministeriale per la programmazione economica (CIPE) di giovedì 6 agosto, che prevede 320 milioni di finanziamenti pubblici a favore del doppione della A4, cui si aggiungono una proroga di 6 anni della concessione, la conferma del valore di subentro a fine concessione per 1.200 milioni di euro e nuove “opere di interconnessione per canalizzarci del traffico attualmente inesistente”.
 
Queste ultime parole sono di Legambiente Lombardia, che titola il proprio comunicato stampa in maniera emblematica: “Finanziamento pubblico di 320 milioni per l’autostrada più inutile e dannosa del Paese”, “Doveva essere tutta a carico dei privati invece pagano sempre e solo gli utenti”
 
“Una decisione semplicemente mortificante, che speriamo provochi una levata d’orgoglio contabile da parte della Corte dei Conti -ha dichiarato Damiano Di Simine, presidente di Legambiente Lombardia-.  Di fatto il Governo premia chi ha speculato ai danni del territorio, mentre gli unici a pagare saranno gli utenti, costretti a un pesante pedaggio per un’infrastruttura realizzata quasi per intero con finanziamenti pubblici ma i cui extraprofitti vanno quasi tutti a privati. Crediamo ci siano modi migliori per spendere i soldi dei contribuenti".
 
Un epilogo annunciato quello della presunta autostrada “senza soldi pubblici”, oggetto di una ricostruzione fiabesca -e falsa- che ha visto in realtà le "banche" garanti del project financing chiamarsi Cassa depositi e prestiti (controllato all’80% dal ministero del Tesoro) e Banca europea degli investimenti (di proprietà dei Paesi dell’UE, comprese l’Italia). 
 
“Il finanziamento annunciato dal Cipe andrebbe a un’opera il cui costo, alla convenzione, era valutato in 920 milioni interamente a carico di privati, ma che poi, tra modifiche e ‘compensazioni’, oneri finanziari e interessi, ha superato i 2,4 miliardi coperti in massima parte da prestiti di istituti finanziari pubblici (BEI e Cassa Depositi e Prestiti), oltre che dalle partecipazioni degli azionisti pubblici e privati con, in prima fila, Banca Intesa (che possiede il 42% di Autostrade Lombarde, a sua volta proprietaria del 78% di Brebemi)”, ha ricostruito infatti Legambiente Lombardia.
 
Una “storia sbagliata” che s’è rivelata costosa sotto tutti i punti di vista. Non che sia il più importante, ma è bene ricordare che per percorrere i 56 chilometri della A35 tra Brescia a Milano, infatti, gli utenti devono spendere ben 10,70 euro. E la società concessionaria Bre.Be.Mi S.p.A. si è dovuta inventare sconti e promozioni per far convergere automobili e mezzi altrimenti circolanti sull’A4. Intanto, i terreni agricoli colonizzati dall’asfalto osservano l’autostrada “senza soldi pubblici” rimasta senz’auto, ma con generosi finanziamenti pubblici.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.