162

No comment

Luglio/Agosto 2014 Versione digitale

Acquistando la versione digitale di Altreconomia, hai subito la possibilità di leggere il numero in formato PDF o EPUB. Inoltre, hai accesso sul sito a tutti i contenuti relativi al numero acquistato.

Prezzo: 2,69

Esaurito

AbbònatiIn negozio

La copertina di Altreconomia 162 è dedicata ai troll, cioè alle persone che insultano (e diffamano) in Rete, e nonostante le leggi riescono quasi sempre a farla franca: le leggi ci sono, ma -specie per i portali d’informazione- i ricavi dipendono dal traffico. E così si chiude un occhio. In arrivo anche un libro, “No comment”.

Se la cura è arte, l’infermieristica teatrale è la “disciplina” che forma gli infermieri e porta l’esperienza del palcoscenico negli ospedali. Dall’idea di un infermiere-attore, i cui corsi di formazione hanno coinvolto circa 800 colleghi.

Abbiamo intervistato João Pedro Stedile, leader del Movimento Sem Terra, che è nato in Brasile nel 1984: bilancio di trent’anni di lotta per la riforma agraria.

Una pista ciclabile, spesso, non basta: l’Italia pedala ancora, ma la normativa sulla mobilità a due ruote è ferma al 1999. L’obiettivo mancato della sicurezza su strada. Con un’infografica sui numeri delle “bici” nel nostro Paese.

In Umbria, una tenuta di 190 ettari, di proprietà pubblica e abbandonata, è stata presa in “custodia sociale” dai movimenti per un’agricoltura sociale: “Caicocci terra sociale”. Con un’intervista all’ex giudice costituzionale Paolo Maddalena: “Il territorio appartiene al popolo”

Nell’anniversario del G8 Genova, riflessione a tre voci sulle forze dell’ordine, i diritti umani e la giustizia: interviste a Patrizia Moretti, madre di Federico Aldrovandi, e Marco Preve, autore de “Il partito della Polizia”, e una riflessione sul libro di Roberto Settembre, il giudice che ha scritto la sentenza d’Appello nel processo sulle violenze a Bolzaneto.

Fino al 2004, l’area che ospiterà l’Expo di Milano era coltivata. Ricostruiamo il percorso che ha portato a “occupare” quei 100 ettari. Parlano, per la prima volta, i Cabassi, già proprietari di una parte dell’area, ceduta ad Arexpo per ll’Esposizione universale.

Contenuti in questo numero