Interni / Opinioni

Violenze a Genova: la Polizia di Stato è un’istituzione democratica e repubblicana?

Dopo i fatti del 23 maggio e il massacro del giornalista Stefano Origone, Roberto Settembre, giudice che ha scritto la sentenza di appello sui fatti del G8-Bolzaneto, risponde a una domanda “necessaria”. “Senza provvedimenti di riforma radicali è a rischio la libertà di tutti”. Ecco perché

La Polizia di Stato è un’istituzione democratica e repubblicana? Questa è una domanda necessaria dopo i fatti del 23 maggio 2019 a Genova, in piazza Marsala, dove il giornalista Stefano Origone è stato massacrato da un gruppo di agenti del VI Reparto Mobile di Genova Bolzaneto, comandato dal vice questore Vincenzo Bove.
I fatti sono noti: concessa la piazza a un comizio elettorale di CasaPound e mandato il citato reparto di Polizia a presidiare la piazza per impedire i contatti tra i manifestanti oppositori di Casa Pound e i sostenitori di questa, dopo un susseguirsi di episodi di vivacissima contestazione, compreso il lancio di oggetti, la Polizia in tenuta antisommossa ha caricato i manifestanti che si sono dati alla fuga. Presente in piazza il giornalista, che, trovatosi isolato, è stato brutalmente bastonato e calciato dagli agenti, fino all’intervento risolutore del vice Questore Bove che si è catapultato tra gli agenti inferociti e il giornalista per fermare il pestaggio.
Gli effetti della violenza sono stati così descritti su un importante quotidiano nazionale: “Il segno dello scarpone del poliziotto sul fianco sinistro sotto l’ascella… è con quella pedata che gli hanno rotto la costola. Le due dita della mano sinistra, indice e medio, frantumate a colpi di manganello… Stefano era rannicchiato, con le mani cercava di proteggersi il capo, e meno male –ha detto il primario del P.S. Ospedaliero dr Cremonesi- altrimenti gli avrebbero sfondato la testa a bastonate. Sono stati dei selvaggi. Il resto del corpo è tutto una piaga che tende al viola: sulle reni, la spalla sinistra, la scapola sinistra, il petto, una coscia, entrambe le tibie, una caviglia. Un grosso bozzo sopra l’orecchio destro… le ossa delle mani sbriciolate”.

Ora vediamo come commenta la cosa il Vice Questore Vincenzo Bove: “Al di là delle immagini, i colleghi non sono così folli. È stato sicuramente un momento brutto, la magistratura chiarirà, ma i colpi non erano dati per uccidere. Ho sentito urlare ‘Sono un giornalista’ e siccome avevo visto Stefano Origone qualche secondo prima mi sono catapultato per allontanare gli agenti”.

Per rispondere alla domanda iniziale è necessario ragionare su queste parole. Vediamole. “I colleghi non sono così folli”.
Dobbiamo crederci. Il vice Questore Bove conosce i suoi uomini (li comandava lui) e se afferma che non sono folli (“Selvaggi” li ha definiti il dottor Cremonesi), dobbiamo convenire che si tratta appunto di selvaggi consapevoli e senzienti, che massacrano un uomo inerme in piena consapevolezza.
Il che non deve sorprendere, poiché gli agenti della Polizia di Stato non sono folli, sono invece addestrati, armati e capaci, molto capaci, avendo, come tutte le Forze dell’Ordine, l’esclusivo monopolio della violenza, e come abbiamo visto la sanno esercitare. Ma il punto è: a quale fine e come. Allora le parole del Vice Questore Bove sono illuminanti:
“Siccome avevo visto Stefano Origone qualche secondo prima mi sono catapultato per allontanare gli agenti”. Che cosa significa “Siccome” ho riconosciuto la vittima ho fermato gli agenti? Forse che, se non l’avesse riconosciuta, non avrebbe fermato gli agenti? Forse perché, come ha precisato il Vice Questore, “i colpi non erano dati per uccidere”? È questo il discrimine interiorizzato dal comandante di un reparto di Polizia mobile tra il decidere di lasciar massacrare una persona inerme a terra e no? È questo il fine dell’esercizio del monopolio della violenza da parte della Polizia di Stato?

E se invece di “sbriciolare le ossa delle dita” (come ha detto il dottor Cremonesi) gli agenti avessero sfondato la testa della vittima e l’avessero uccisa, cosa avrebbe detto il comandante del Reparto? Dobbiamo supporre che il vice Questore avrebbe parlato di un tragico errore, per cui bisognerebbe dire che il fine dell’esercizio del monopolio della violenza da parte della Polizia di Stato, dopo aver disperso una manifestazione che ha superato i limiti consentiti, consiste nel massacrare selvaggiamente i manifestanti inermi, ormai caduti a terra e incapaci di difendersi, ma senza ucciderli.

Ora, poiché la nostra Costituzione repubblicana, che all’Articolo 21 sancisce il diritto di manifestare, ed è stata invocata anche da chi non riconosce i valori di questa Costituzione, come appunto dicono i sostenitori di CasaPound, è indispensabile evidenziare che la Polizia di Stato questi valori deve non solo conoscere, ma anche interiorizzare. Sia perché “I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge” (Art. 54 Cost.) sia perché tra i principi fondamentali della nostra Costituzione l’Articolo 2 afferma che “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità” ed “È punita ogni violenza fisica e morale sulle persone comunque sottoposte a restrizioni di libertà” (Art. 13).
Concetto, quest’ultimo, che la Suprema Corte e la Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU) ha esteso ai manifestanti quando non siano più in grado di commettere azioni illegittime o illecite, come quando siano ridotti inermi a terra alla mercé degli agenti di polizia.

Ma se questo non accade, e accade proprio il contrario, se il fine dell’esercizio del monopolio della violenza e il modo di esercitarla è quello che i fatti hanno dimostrato, allora la risposta alla domanda con cui inizia questo breve lavoro è negativa. Purtroppo.
E sopratutto purtroppo dopo i fatti nefasti del G8 2001, dopo le sentenze della Giustizia italiana contro le Forze dell’Ordine ree dei massacri dei manifestanti per le strade, alla scuola Diaz e nella Caserma di Bolzaneto, e quelle della Corte EDU che hanno condannato l’Italia per la pratica della tortura, dopo il soffertissimo iter legislativo che ha condotto alla monca e inefficace legge sulla tortura, e dopo che, ormai da qualche tempo, la Polizia di Stato ha ripreso a usare pesantemente il manganello per reprimere le manifestazioni quando le ritiene illegittime, come il 19 maggio a Firenze e il 20 maggio a Bologna.

Queste considerazioni paiono, a chi scrive, così pacifiche da non aver bisogno di ulteriori commenti. Tuttavia si impone una riflessione ulteriore.
È stato scritto su un importante quotidiano nazionale che quanto accaduto il 23 maggio a Genova è da ascriversi all’aver scaricato sugli uomini in divisa della Polizia di Stato, che ne costituiscono la pancia incapace di immaginare la Polizia come un’istituzione democratica e repubblicana, una pressione impossibile da sopportare, che invita all’obbedienza allo spirito dei tempi, mentre sarebbe sufficiente, per rispondere positivamente alla domanda iniziale, la visita del Capo della Polizia al giornalista ferito e la promessa di cooperazione con l’autorità giudiziaria da parte dei vertici della Questura genovese. Dissentiamo, perché un’istituzione democratica e repubblicana non può essere formata da una pancia di selvaggi suscettibili di richiami primitivi a un eventuale main stream politico antitetico ai valori costituzionali. La Polizia di Stato di un Paese rispettoso dei principi costituzionali, deve tutta, compresa la sua pancia, conoscere come e perché le è stato affidato l’altissimo compito di difendere la Repubblica e i principi che la informano.
Quando ciò non avviene urgono provvedimenti di riforma radicali.
In caso contrario è a rischio la libertà di tutti.

Roberto Settembre, magistrato dal 1979 al 2012, ha redatto la sentenza di appello sui fatti del G8 di Genova a Bolzaneto, a riposo come presidente di sezione di Cassazione.

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia