Diritti / Attualità

L’alleanza tra cittadini e istituzioni che fa rivivere gli spazi abbandonati

I “patti di collaborazione” si diffondono in tutta Italia. I volontari ristrutturano vecchi edifici rimasti vuoti per anni, restituendoli alla collettività. Gli enti pubblici risparmiano e nascono nuove reti sociali nei quartieri
Tratto da Altreconomia 196 — Settembre 2017
La prima festa di InStabile Portazza organizzata a Bologna nel giugno 2015 - © INstabile Portazza
La prima festa di InStabile Portazza organizzata a Bologna nel giugno 2015 - © INstabile Portazza
All’entrata di InStabile Portazza, periferia bolognese a Sud-Est della città, la parete è ricoperta di polaroid di persone del quartiere con sotto scritto, a pennarello, quello che ognuno sa fare e può insegnare agli altri. Gianni, per esempio, fa l’archivista, ma sa lavorare sugli impianti elettrici. Luca è architetto, capace anche di fare lavoretti di falegnameria e riparazioni. Paola fa il medico, ma qui si presta a ogni lavoro di manovalanza. Patrizia è casalinga ma si definisce “ciappinara”, il tuttofare...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia