Terra e cibo / Approfondimento

Origine del grano in etichetta una novità che fa discutere

Dal prossimo 17 febbraio sarà obbligatorio per legge indicare sui pacchi di pasta la provenienza del grano e della semola. La norma -che garantisce maggiore trasparenza ai consumatori- ha sollevato critiche da parte di alcuni produttori
Tratto da Altreconomia 200 — Gennaio 2018
Se prendete un pacco di pasta, leggete l’etichetta e trovate l’indicazione di origine della materia prima, sappiate che si tratta di una scelta del produttore, perché la legge oggi non lo richiede. Almeno fino al prossimo 17 febbraio, quando entrerà in vigore il decreto che rende obbligatoria l’indicazione dell’origine del grano duro (dove è stato coltivato) e della semola (dove il grano è stato molito) per le paste di semola di grano duro. Sulle nuove etichette (come è già successo...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia