Cultura e scienza / Intervista

Leggere l’ambiente come un testo. Intervista a Serenella Iovino

L’ecologia letteraria indaga i rapporti tra umano e non umano nelle opere letterarie, per risvegliare nel lettore una coscienza ecologica che guidi le sue scelte. Tra gli autori italiani più interessanti Dino Buzzati, Primo Levi, Andrea Zanzotto, Anna Maria Ortese
Tratto da Altreconomia 193 — Maggio 2017
Serenella Iovino, docente di Letterature comparate all'Università di Torino - Farshid Bazmandegan
Serenella Iovino, docente di Letterature comparate all'Università di Torino - Farshid Bazmandegan
Serenella Iovino è docente di Letterature Comparate presso l’Università di Torino, borsista di ricerca presso la fondazione “Alexander von Humboldt” ed è stata visiting professor in varie università. Ha introdotto gli studi di ecocritica in Italia con il libro “Ecologia Letteraria, una strategia di sopravvivenza” (Edizioni Ambiente, 2015), nel quale si è chiesta quale sia il ruolo della letteratura per superare la crisi ecologica. Che cos’è l’ecocritica?   SI Nata negli Stati Uniti intorno al 1990, è una disciplina che indaga come...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia