Interni / Reportage

La resilienza nelle terre mutate. Chi resta e chi arriva dopo il terremoto

Tratto da Altreconomia 221 — Dicembre 2019
Stefano Riccioni riporta a valle i suoi cavalli da Frontignano di Ussita (1.400 m slm). Dietro di lui quel che rimane dell’Hotel Domus Laetitiae. A distanza di tre anni dal sisma simbolo di una ricostruzione mai iniziata - © Claudio Colotti
Stefano, allevatore trentenne, e la moglie Michela non hanno lasciato Frontignano. Linda con la madre e la nonna ha mantenuto aperto il ristorante di Ussita. E Chiara, arrivata da Bologna per abitare a Pioraco e aiutareTo access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione non violenta, Abbonamento annuale Ae + Gaia, Abbonamento annuale Ae + Nigrizia, Abbonamento annuale Amico di Altreconomia, Abbonamento annuale estero carta + digitale, Abbonamento biennale carta...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia