Esteri / Reportage

Intrappolati a Calais. Vite sospese di chi sogna l’Inghilterra

Dopo aver attraversato la rotta balcanica o il Mediterraneo, le persone in transito -inclusi cittadini afghani- sono costrette a vivere in luoghi precari in attesa di passare la Manica. Tra gli sgomberi continui della polizia

Tratto da Altreconomia 240 — Settembre 2021
Una donna a Calais attraversa la spiaggia portando in braccio il figlio. In lontananza, un traghetto che lascia le coste della Francia per raggiungere il Regno Unito © Matteo Placucci
Dopo aver attraversato la rotta balcanica o il Mediterraneo, le persone in transito -inclusi cittadini afghani- sono costrette a vivere in luoghi precari in attesa di passare la Manica. Tra gli sgomberi continui della polizia To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta + digitale, Annuale con Africa,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.