Diritti / Inchiesta

Armi e munizioni da Roma ad Ankara: il flusso milionario non si è fermato

Inchiesta sul flusso crescente di armi e munizioni che lega la provincia di Roma e la Turchia di Recep Tayyip Erdoğan. Un movimento continuo che nel 2019 ha raggiunto valori milionari inediti. Eppure se ne sa poco. Ecco chi si muove nel mercato. Durante l’offensiva turca in Siria, inoltre, il Governo aveva annunciato lo stop a nuove licenze. Ma il decreto è inaccessibile

Tratto da Altreconomia 222 — Gennaio 2020
Maggio 2019: il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e il ministro degli Esteri di Ankara, Mevlüt Çavuşoğlu, ricevono il Segretario generale NATO, Jens Stontelberg - © NATO
Inchiesta sul flusso crescente di armi e munizioni che lega la provincia di Roma e la Turchia di Recep Tayyip Erdoğan. Un movimento continuo che nel 2019 ha raggiunto valori milionari inediti. Eppure se ne sa poco. Ecco chi si muove nel mercato. Durante l’offensiva turca in Siria, inoltre, il Governo aveva annunciato lo stop a nuove licenze. Ma il decreto è inaccessibileTo access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia