Esteri / Reportage

Il popolo indigeno che resiste al crimine organizzato in Messico

A Chéran, nello Stato di Michoacán, i purépecha hanno costruito una forma di autogoverno per difendere le montagne sacre, riforestando le zone disboscate dai narcos che liberavano spazio per piantagioni di avocado, l’“oro verde”

Tratto da Altreconomia 236 — Aprile 2021
Le donne di Cherán si registrano per partecipare alle elezioni nel maggio 2018. La popolazione ha ripreso le istituzioni che i purépecha utilizzavano prima dell’invasione spagnola del XVI secolo, come il Consiglio maggiore di governo © Orsetta Bellani
A Chéran, nello Stato di Michoacán, i purépecha hanno costruito una forma di autogoverno per difendere le montagne sacre, riforestando le zone disboscate dai narcos che liberavano spazio per piantagioni di avocado, l’“oro verde” To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta + digitale,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.