Diritti / Reportage

I giochi collettivi di Giocherenda per creare relazioni a Palermo

Il nome dell’associazione, fondata da un gruppo di giovani migranti africani, significa “gioia del fare insieme”. Usando materiali riciclati produce giochi collaborativi con cui costruire legami positivi. Anche nei contesti più difficili

Tratto da Altreconomia 244 — Gennaio 2022
Amadou Diallo nel negozio solidale dell’associazione nel quartiere della Kalsa a Palermo. Nella bottega si organizzano anche attività come incontri con le scuole e laboratori di cucito © Orsetta Bellani
Il nome dell’associazione, fondata da un gruppo di giovani migranti africani, significa “gioia del fare insieme”. Usando materiali riciclati produce giochi collaborativi con cui costruire legami positivi. Anche nei contesti più difficili To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta + digitale, Annuale con...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.