Diritti / Approfondimento

La “giurisdizione universale” può dare giustizia alle vittime di crimini contro l’umanità, dalla Siria all’Iraq

A Coblenza in Germania è in corso il primo procedimento mondiale volto ad accertare le torture di Stato in Siria. In Europa nel 2019 i processi aperti erano 2.906. L’Italia è ancora indietro

Tratto da Altreconomia 234 — Febbraio 2021
L’installazione “Mute” a Coblenza, in Germania, realizzata dall’artista Khaled Barakeh. Al centro, Walaa Shurbaji del movimento “Families for freedom”, fotograta da Adam Broomberg
A Coblenza in Germania è in corso il primo procedimento mondiale volto ad accertare le torture di Stato in Siria. In Europa nel 2019 i processi aperti erano 2.906. L’Italia è ancora indietro To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta + digitale, Annuale...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.