Cultura e scienza / Intervista

Giovanni Bietti. La musica è ascolto e incontro

“Il musicista vuole conoscere il mondo attraverso le note, ma facciamo fatica a sentirlo”. Intervista al divulgatore musicale, tra l’illuminismo di Beethoven e la rivoluzione di Debussy
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
"Siamo abituati a pensare che la musica sia solo emozione e intrattenimento. Ma nella maggior parte dei casi, un compositore che scrive un brano non sta compiendo solo un atto estetico, o commerciale. Si sta in realtà preoccupando di conoscere il mondo, attraverso le note. E di condividere quella conoscenza. Detto in maniera sintetica: un brano musicale è la condivisione di un atto di conoscenza”. Giovanni Bietti è compositore, pianista e musicologo. È considerato uno dei migliori divulgatori musicali italiani e...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia