Cultura e scienza / Intervista

Alla riscoperta della geografia moderna nell’era di Google Earth

Nel 2017 la Società Geografica Italiana compie 150 anni. Nata nell’Ottocento per favorire l’esplorazione del mondo, oggi studia le connessioni ambientali, politiche e sociali della disciplina, offrendo strumenti per interpretare la complessità
Tratto da Altreconomia 193 — Maggio 2017
Una delle sale del Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, a Roma: dal 1924 è la sede della Società Geografica Italiana, fondata a Firenze nel 1867
Una delle sale del Palazzetto Mattei in Villa Celimontana, a Roma: dal 1924 è la sede della Società Geografica Italiana, fondata a Firenze nel 1867
Atteso e sospirato, l’ammodernamento del Geoportale Nazionale -“biblioteca online” attraverso cui è possibile ottenere ogni tipo d’informazione territoriale e ambientale sul Belpaese, pcn.minambiente.it- è coinciso quest’anno con una data altrettanto storica: il 150° anniversario dalla fondazione della Società Geografica Italiana. Nata a Firenze nel 1867 con l’obiettivo di promuovere la cultura e le conoscenze geografiche, il sodalizio di ricerca raccolto attorno al Conte Giacomo Doria, primo presidente, si è via via evoluto sino a doversi confrontare con la più grande...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia