Altre Economie / Reportage

Inclusione e recupero dei tessuti: la nuova sartoria sociale di Mani Tese

Tratto da Altreconomia 223 — Febbraio 2020
sartoria sociale mani tese
Elisa Terzi e Rita Dallolio, due volontarie della sartoria sociale ManiGolde, mentre lavorano al disegno di un nuovo abito negli spazi del laboratorio nella sede di Finale Emilia di Mani Tese. © Marta Facchini
A Finale Emilia è nato il laboratorio di comunità ManiGolde. Le collezioni sono create a partire da capi raccolti nel mercatino dell’usato e da scampoli di stoffa. Una risposta di socialità in un territorio ancora ferito dal terremoto del 2012 To access this post, you must purchase Abbonamento annuale Ae + Mosaico di Pace, Abbonamento annuale Ae + Azione non violenta, Abbonamento annuale Ae + Gaia, Abbonamento annuale Ae + Nigrizia, Abbonamento annuale Amico di Altreconomia, Abbonamento annuale estero carta...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia