Io cucino

Io cucino a occhio

Manuale di cucina casalinga e naturale. 99 ricette q.b. di Giovanna Olivieri
ISBN 9788865162484

Prezzo: 13,00

160 pagine / 15×20 cm
Illustrazioni di Chiara Perugini
Con la prefazione di Pietro Parisi, il cuoco contadino.


scheda_libro_failpieno

Manuale di cucina “senza bilance”, libera e naturale.

Per chi segue la filosofia q.b. ovvero “quanto basta”: 99 ricette di cucina libera, facile, guidata dal buonsenso, dall’antipasto al dolce. Scritte per chi ai fornelli si affida alle mani, al “pizzico” o al “pugno” invece che alla bilancia di precisione. Per chi agli chef-padroni televisivi preferisce le ricette in corsivo trovate in un cassetto o tramandate a voce. Per chi ha avuto in eredità dalla nonna un mattarello e l’amore per la manualità. Per i cuochi distratti, a cui manca sempre un ingrediente ma che non temono le variazioni sul tema.
Per chi sa bene che le “tradizioni” nascono incorporando nelle ricette culture e ingredienti nuovi. Per chi ama la cucina semplice e quotidiana. Per chi raccoglie nell’orto o nel prato invece di stare in fila al supermercato. Per chi quando è in cucina (o fa la spesa) rispetta le materie prime, l’ambiente, le persone e non spreca il cibo.

Per chi cucina per il gusto di farlo, per le persone che ama, per stare bene o scoprire sapori nuovi. E anche per chi pensa di essere negato, perché cucinando s’impara.

io_cucino

Quanto basta… basta. Una cucina q.b.

La “filosofia” di Giovanna Olivieri

“Io do grande valore a tutte le usanze antiche: all’apprendere fin da piccoli, all’ascoltare i consigli altrui, al confrontare le proprie esperienze con quelle di altri, alla riscoperta della tradizione legata alla stagionalità degli alimenti, all’uso di unità di misura approssimative, ma nella maggior parte dei casi sufficienti a ottenere buoni piatti. (…)

In sintesi, la cucina q.b. per me è:

  • una cucina libera, senza regole predefinite, ma guidata dal buonsenso;
  • una cucina da condividere e scambiare con gli altri, aperta al confronto e ai consigli;
  • una cucina favorevole alle sperimentazioni, alle variazioni sul tema, ai tentativi;
  • una cucina semplice, quotidiana, sostenibile (la vita non è fatta solo di grandi occasioni);
  • una cucina aperta alle altre culture, ai loro cibi, alle loro tecniche e abbinamenti;
  • una cucina di autoapprendimento: cucinando s’impara;
  • una cucina che sa imparare anche dalla tradizione: i piatti che si perpetuano da sempre hanno certamente il loro perché.

(…) cucinare senza la bilancia significa, a mio parere, adottare una forma mentis diversa. Vuol dire emanciparsi dalle regole ferree delle ricette, imparare a regolarsi a seconda del caso, concedersi il lusso di sperimentare, in una parola: saper osare. (…)
Oltre che un atto demiurgico, cucinare è anche un atto estetico (che ci consente di apprezzare e condividere il gusto del cibo), un atto culturale (che ci consente di soddisfare la nostra curiosità), un atto etico (che ci consente di evitare lo spreco e scegliere in maniera consapevole), ma anche un atto quotidiano, casalingo e familiare che ci riconduce alle nostre radici e ci permette di tramandare i saperi ereditati”.


Recensioni e segnalazioni:

TG2 Eat Parade, puntata del 25 agosto
I libri consigliati, di Disco Radio
Cucinare “a occhio”: 99 ricette casalinghe ispirate al “quanto basta”, storienogastronomiche.it
Immaginaria, pag 8
Cuciniamo, mammeonline.net
Lo scaffale del gusto, artegusto.net
Siamo noi, puntata del 26 giugno 2017, TV2000

SIamo_noi_olivieri

Gli autori

Giovanna Olivieri

Una cuoca-amica che vi guiderà nella cucina q.b. Marchigiana, mamma, produce con amore verdure, uova e pollame per sé e la sua famiglia, ama le tradizioni e la musica popolare, il mondo naturale e l’arte umana. È autrice di “Io lo faccio da me” (Ed. TerraNuova, 2014).