In offerta!
Agricoltura sociale

L’agricoltura è sociale

Le radici nel cielo: fattorie sociali e nuove culture contadine a cura di Roberto Brioschi
ISBN 9788865162279

Prezzo: 7,4913,00 7,4911,05

Svuota

160 pagine
Formato 12×20 cm


Un viaggio inedito nell’agricoltura sociale in Italia

Una guida all’agricoltura sociale in Italia e alle sue storie. L’agricoltura è un’esperienza non solo produttiva ma sociale, nata per ‘generare comunità’ quando l’umanità diventa stanziale, da nomade che era. Oggi è “agricoltura sociale” non solo la fattoria dove lavora chi ha abilità differenti, la cooperativa che semina all’interno delle mura del carcere o l’impresa di migranti emancipati dal caporalato. È agricoltura sociale ogni filiera che porta dal campo alla tavola senza veleni e senza sfruttamento: sia essa biologica, biodinamica, equosolidale o da terreni confiscati alle mafie.

È agricoltura sociale la mano contadina che custodisce la biodiversità, la mente e la voce che porta nei teatri un discorso ben dissodato, l’amministratore che cura e preserva il territorio agricolo. È agricoltura sociale la resistenza di chi occupa le terre incolte pubbliche o private, i progetti di Community supported agricolture tra città e campagna, le filiere minime dei Gas, le aziende che scelgono la “piccola distribuzione”. Questo libro racconta dunque – attraverso le parole di studiosi, attivisti della terra, teatranti e contadini – un modello economico e culturale innovativo, che restituisce felicità, o almeno un senso proprio, all’esistenza. Perché la terra non discrimina mai: concede i suoi frutti a chi si prenda cura di lei.

Il valore della terra e la sua sacralità

L’agricoltura contadina, praticata da chi la terra la possiede, la abita, la coltiva con la famiglia prima di tutto per la propria autonomia alimentare, (…) quando è moltiplicata per una comunità, per un popolo, ne determina la sovranità alimentare, strettamente sinergica con il territorio di residenza. Il lavoro naturale del coltivatore restituisce la padronanza degli atti e del senso di quello che si compie e dei frutti ricavati. Il cibo ha il valore della sapienza ottenuta, della fatica e del tempo impiegati”.
(Roberto Brioschi, C’era una volta l’agricoltura contadina)

Lavorare la terra, lavorare con la terra, entrare in contatto con la terra, attraverso la fatica, l’esperienza propria ma anche quella delle generazioni precedenti (…), è qualcosa che mette in gioco le mani, i sensi, il cuore, la testa, la memoria, qualcosa che mette in contatto col mondo così come è, direttamente, senza mediazioni, così come l’artigianato manuale, come camminare, come la danza e la liturgia; qualcosa che qui
e ora pare residuale, quasi arcaico, perfino eretico verso la virtualità alla quale questo mondo pare fatalmente votato“.
(Massimo Angelini, prefazione)

Nota sugli autori e i contributi al libro

Il libro è curato da Roberto Brioschi, attivista della terra e membro di Rete dei Semi Rurali, già co-autore per Altreconomia de “I semi e la terra”, “Dormire nell’orto” e “Biologico etico”. Con i testi di alcuni tra i maggiori esperti di agricoltura sociale e della “nuova ruralità” in Italia: Massimo Angelini, filosofo, coltivatore d’idee, ruralista, è autore della prefazione. Alfonso Pascale, fondatore della Rete delle Fattorie Sociali e Marco Berardo Di Stefano, suo attuale presidente, raccontano lo stato dell’arte dell’agricoltura sociale in Italia. Con uno scritto esclusivo di Andrea Pierdicca, attore-narratore della contadinanza e importanti contributi di: Carlo Triarico, presidente dell’Associazione Nazionale Agricoltura Biodinamica; Federico Marchini, presidente dell’associazione Anabio; Claudio Pozzi, coordinatore di WWOOF Italia; Andrea Bomprezzi, Sindaco di Arcevia; Fabio Taffetani docente all’Università Politecnica delle Marche; Paolo Ciarimboli, libero zappatore; Paolo Cova, parlamentare che commenta la legge 141/2015 sull’agricoltura sociale. Schede su agricoltura carceraria e della legalità, resistenze agricole e usi civici, agricoltura migrante ed equosolidale curate da Massimo Acanfora, giornalista.

Recensioni

Redattore Sociale, http://www.redattoresociale.it/Notiziario/Articolo/525160/Fattorie-sociali-in-Italia-sono-circa-3-mila-e-danno-lavoro-a-30-mila-persone

Gli autori

Roberto Brioschi

Ruralista, è promotore di reti solidali e comunità di resilienza sociale ed economica. Ha fondato la prima web rivista sul tema contadino “La Via Contadina, coltiviamo il futuro” (www.laviacontadina.it). È membro della Rete dei Semi Rurali e co-presidente della REES Marche, aderisce a “Refugees Welcome” perché sta dalla parte del mondo offeso. Già co-au- tore di libri per Altreconomia: “I semi e la terra”, la prima edizione di “Dormire nell’orto”,“Biologico etico” (con Gabriella Lalìa) e del recente “L’agricoltura è sociale”.