Diritti / Inchiesta

Non solo Jobs Act. Inchiesta sul lavoro in Italia

Tra contratti a termine, incentivi a pioggia, licenziamenti facili e giustizia a caro prezzo le “riforme” degli ultimi tre anni hanno cambiato per sempre il nostro Paese. Nel nome della “flex-security”
Tratto da Altreconomia 192 — Aprile 2017
Aspiranti impiegati in attesa di un colloquio di lavoro. Il tasso di disoccupazione in Italia è l’11,9% (Istat, marzo 2017) - http://www.istockphoto.com
Aspiranti impiegati in attesa di un colloquio di lavoro. Il tasso di disoccupazione in Italia è l’11,9% (Istat, marzo 2017) - http://www.istockphoto.com
Se siete stati assunti da un’impresa con più di 15 dipendenti dopo il 7 marzo 2015, rischiate di far parte della bolla dei licenziamenti senza reintegro che potrebbe scoppiare a partire dalla primavera di quest’anno. Quel giorno, infatti, lo Stato ha tracciato una linea. Da una parte, un certo tipo di lavoratori (quelli assunti prima) e dall’altra gli assunti dopo. Per questi, finiti oltre la linea, lo “Statuto dei lavoratori” del 1970 e il famoso articolo 18 -quello che riguarda...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia