Diritti / Opinioni

Un assegno per chi “ricolloca” i disoccupati

È partita in via sperimentale la prima politica attiva per il lavoro del Jobs Act. Coinvolge 30mila persone, aiutati nella ricerca “intensiva” di lavoro. La pagina a cura dell'Osservatorio sulla coesione
Tratto da Altreconomia 192 — Aprile 2017
Il premier Paolo Gentiloni e il presidente Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro) Maurizio Del Conte
Il premier Paolo Gentiloni e il presidente Anpal (Agenzia nazionale politiche attive del lavoro) Maurizio Del Conte
Nel corso degli ultimi trent’anni gli annunci in tema di “Politiche attive per il lavoro” (ovvero tutte quelle iniziative, misure, programmi ed incentivi volti a favorire l’inserimento o il reinserimento nel mondo del lavoro) sono stati numerosi, per poi rivelarsi spesso fuochi di paglia o, nel migliore dei casi, passi in avanti degni di nota, ma pur sempre lontani dalle aspettative originarie. Con l’approvazione e la prima implementazione del decreto attuativo 150 del 2015 del cosiddetto “Jobs Act” si è...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia