Diritti / Intervista

Multinazionali nel mirino dell’Onu: devono rispettare i diritti umani

Intervista a Guillaume Long, coordinatore del gruppo di lavoro delle Nazioni Unite che sta negoziando un nuovo regolamento vincolante: “Le imprese devono essere responsabili dovunque operino: non solo dove sono domiciliate”
Tratto da Altreconomia 199 — Dicembre 2017
Guillaume Long, 40 anni, tra il marzo 2015 
e il maggio 2017 ha retto due diversi ministeri in Ecuador sotto la presidenza di Rafael Correa: Cultura e Affari esteri - UN Photo/Cia Pak
Guillaume Long, 40 anni, tra il marzo 2015 e il maggio 2017 ha retto due diversi ministeri in Ecuador sotto la presidenza di Rafael Correa: Cultura e Affari esteri - UN Photo/Cia Pak
"Purtroppo nel mondo di oggi gli esseri umani sono un mezzo per un fine: l’accumulazione del capitale. Noi crediamo invece che il capitale dovrebbe essere un mezzo per l’accumulazione della felicità, dell’emancipazione, della libertà”. Guillaume Long è il rappresentante permanente dell’Ecuador presso le Nazioni Unite. Quarant’anni compiuti nel febbraio scorso, già ministro degli Esteri, oggi è il coordinatore del gruppo di lavoro intergovernativo (Open ended inter-governmental working group) che ha il mandato di negoziare una regolamentazione vincolante per le imprese...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia