Diritti / Reportage

Le vite ridotte in schiavitù delle donne migranti in Tunisia

Dall’Africa sub-sahariana arrivano a migliaia nel Paese per raggiungere l’Europa. Ma i trafficanti le vendono come domestiche per ripagare il costo del viaggio. Non hanno libertà e subiscono soprusi. Ma il governo non interviene. Reportage

Tratto da Altreconomia 230 — Ottobre 2020
Blanca, giovane migrante dalla Costa d'Avorio che vive in Tunisia, sta lavando i piatti dopo la cena nella casa dove lavora come domestica. Ariana, Tunisia © Chedly Ben Ibrahim
Dall’Africa sub-sahariana arrivano a migliaia nel Paese per raggiungere l’Europa. Ma i trafficanti le vendono come domestiche per ripagare il costo del viaggio. Non hanno libertà e subiscono soprusi. Ma il governo non interviene. Reportage To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta +...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia