Altre Economie / Attualità

“L’agenda degli eventi”, 101 occasioni tra sipari e sapori

Una guida che raccoglie i festival, le rassegne, i saloni imperdibili, per la qualità culturale, il fascino dei luoghi, l’attenzione all’ambiente: decine di occasioni in cui incontrare il pensiero e la scrittura, le note e le immagini, il cibo e il vino

Tratto da Altreconomia 188 — Dicembre 2016
La copertina del libro "L'agenda degli eventi", in libreria da metà novembre per Altreconomia
La copertina del libro "L'agenda degli eventi", in libreria da metà novembre per Altreconomia

A scoltare le parole di un premio Nobel. Ballare danze popolari fino all’alba. Condurre esperimenti insieme a dei veri scienziati. Bere un vino che ha i sentori del suo territorio. È un modo del tutto nuovo per scoprire l’Italia. “L’agenda degli eventi” -appena pubblicato da Altreconomia- è la prima guida che raccoglie in modo ragionato le coordinate di centinaia di manifestazioni piccole e grandi: 15 categorie (elencate nella pagina a fianco), 101 schede complete, 50 pagine di altre segnalazioni, con i riferimenti e le informazioni per partecipare.

Si può scegliere allora l’incontro con un Nobel per l’economia o la lettura pubblica dei diari di persone comuni; una tragedia in un teatro classico o la musica dei buskers nelle mille piazze italiane; le lectiones di illustri filosofi sui temi di attualità o i reportage dei fotografi di guerra; i riti antichi del carnevale o quelli moderni di camminatori e viandanti; i guru dello yoga o quelli delle birre artigianali. Gli eventi sono per definizione plurali: cambiano i luoghi che ne sono scenario -spesso borghi bellissimi e paesaggi struggenti- la consistenza del pubblico (e del budget), l’afflato e gli obiettivi, le motivazioni a partecipare e la capacità di coinvolgimento.
Un libro per tutti: manifestazioni dedicate a coppie o famiglie, a grandi e bambini, ad asceti e golosi, con particolare attenzione ai temi del cibo e del vino autentici, della convivialità e della “contadinanza” e alle numerose fiere legate all’economia solidale, all’ecologia e all’ambiente, al paesaggio e alla legalità, ovvero i temi che da sempre sono il focus dell’attività editoriale di Altreconomia.

L’Italia non è quindi solo ricca di biodiversità rurale e selvatica: il festival, che di per sé, per molti anni, è stato quasi una categoria enciclopedica, un campionario espositivo in movimento, oggi tocca tutte le corde che possono far risuonare le persone che vi prendono parte. C’è la fame e la sete di cultura, ma anche il più prosaico appetito da buongustai. Il sublime e il goliardico. La giustizia sociale e la meccanica celeste. Non pochi tra questi eventi possiedono poi il potere quasi magico di aggregare persone che non si conoscono affatto ma che hanno in comune la passione per la musica barocca o per le birre acide, per il reportage o per Star Wars.

Gli eventi sono inoltre preziosi driver per il turismo di qualità e studiatissimi motori di sviluppo del territorio: molti festival e manifestazioni di cui abbozziamo il ritratto in questo libro sono diventati un tramite per riscoprire alcuni plessi del nostro Paese che erano stati dimenticati troppo frettolosamente o che erano rimasti isolati per la loro geografia, la loro economia o i pregiudizi sociali. Questa guida prova a sopperire, almeno in parte, a tale dimenticanza, selezionando gli eventi in ragione dei loro contenuti ma anche della geografia e offrendo una panoramica che spazia dalle Alpi alle Madonie, dal Carnevale innevato alle estati più roventi, così come dalla letteratura mitteleuropea alle olive all’ascolana.

Il lettore, infatti, oltre che consultando la propria sezione preferita, potrà orientare le proprie vacanze e i propri week-end seguendo i due comodi indici: quello geografico, diviso per regioni e quello cronologico, diviso per i mesi dell’anno.
Scrive Giulia Cogoli, già ideatrice e direttrice del Festival della Mente di Sarzana (oggi dirige il festival Dialoghi sull’uomo di Pistoia) nell’intervista che apre il volume e fa il punto sullo “stato degli eventi” in Italia: “Credo che i festival di approfondimento culturale stiano influenzando, nelle rispettive città, province e regioni, un’intera generazione, a cui viene spiegato, attraverso un esempio reale, partecipato e allegro, il senso di cosa significhi fare e condividere cultura”.  Il libro -tascabile e di facile consultazione- è in vendita nelle librerie, sul sito di Altreconomia e nelle botteghe del commercio equo e solidale.

“L’agenda degli eventi. Guida per i viaggiatori alla scoperta di pensiero e letteratura, musica, cinema e teatro, cibo, vino e ambiente in Italia. 101 eventi da non perdere”. A cura di Massimiliano Perna (con la collaborazione di Cinzia Morgante), 176 pagine, 14,50 euro – Altreconomia edizioni

Il manuale per i ciclisti urbani
La bici è un diritto
L’Abc della bicicletta di città. Il manuale perfetto per scegliere, cavalcare, riparare, coccolare la propria due ruote, dedicato a chi vive e pedala nelle metropoli (ma anche a chi ama spingersi in campagna o viaggiare su due ruote). Ilaria Sesana, giornalista e ciclista urbana firma questo vademecum a misura di ciclista urbano. A partire dall’inedita “Dichiarazione dei diritti del ciclista urbano”, una carta fondamentale per poter pedalare in sicurezza. Ai principi si accostano poi le prassi: il libro guida alla scelta della bici, propone un tool kit di attrezzi e di metodi per fare da sé le più comuni riparazioni (dalle gomme ai freni), dispensa consigli per scongiurare furti e incidenti. Con l’elenco delle ciclofficine di città, gli itinerari turistici a due ruote, le associazioni ciclistiche e altre notizie utili a neofiti e appassionati.
“La manutenzione della bicicletta e il ciclista di città. Manuale illustrato della bici e dei diritti del ciclista”, Ilaria Sesana, 128 pagine, 9 euro – Altreconomia edizioni

© riproduzione riservata

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia