Economia / Approfondimento

La sofferenza delle banche italiane, in attesa del salvataggio pubblico

A più di un anno dalla “risoluzione” che ha interessato anche Banca Etruria, il comparto creditizio si ritrova ancora in emergenza. La “soluzione di mercato” non è arrivata e l’intervento dello Stato è ineludibile. Specie per Monte dei Paschi di Siena
Tratto da Altreconomia 189 — Gennaio 2017
Lo stemma del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del Paese - Marco Secchi/Getty Images
Lo stemma del Monte dei Paschi di Siena, la più antica banca del Paese - Marco Secchi/Getty Images
Il signor Giampiero Maldini possiede 1.750 azioni della Cassa di risparmio di Cesena (CRC). Nell’inverno di un anno fa valevano circa 26.250 euro: oggi, se riuscisse a venderle, ma è improbabile, Maldini incasserebbe 875 euro, appena 50 centesimi per ogni titolo. È un effetto della crisi scolpita nel bilancio 2015 della Cassa, che si è chiuso in rosso per 252 milioni di euro. Il motivo? Banca d’Italia ha imposto di “riclassificare” prestiti per circa 390 milioni di euro, qualificandoli come...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia