Diritti / Inchiesta

Così le prefetture italiane hanno escluso 100mila persone dall’accoglienza in quattro anni

Tra 2016 e 2019, 100mila tra richiedenti asilo e beneficiari di protezione, si sono visti revocare le condizioni materiali di accoglienza dagli uffici del Governo. Una prassi diffusa da Nord a Sud -come dimostrano i dati aggiornati al 30 settembre 2019 ottenuti da Altreconomia tramite accessi civici- in grado di incidere profondamente sulla vita di migliaia di accolti divenuti “revocati”. Una prassi che potrebbe essere ribaltata da una recente sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europea

Tratto da Altreconomia 221 — Dicembre 2019
Le fotografie del progetto “Oltreconfini”, un lavoro di Michele Lapini su solidarietà, accoglienza e libertà di movimento michelelapini.net
Tra 2016 e 2019, 100mila tra richiedenti asilo e beneficiari di protezione, si sono visti revocare le condizioni materiali di accoglienza dagli uffici del Governo. Una prassi diffusa da Nord a Sud -come dimostrano i dati aggiornati al 30 settembre 2019 ottenuti da Altreconomia tramite accessi civici- in grado di incidere profondamente sulla vita di migliaia di accolti divenuti “revocati”. Una prassi che potrebbe essere ribaltata da una recente sentenza della Corte di giustizia dell’Unione europeaTo access this post, you...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia