Altre Economie / Attualità

I pomodori di Padova: dalla semina alla passata, tutto in città

Il progetto dell’azienda Terre Prossime valorizza i terreni agricoli nel territorio comunale. I cittadini hanno partecipato alla semina e al raccolto, mentre la trasformazione è opera delle persone detenute nel carcere “Due Palazzi”

Tratto da Altreconomia 243 — Dicembre 2021
La trasformazione del pomodoro nel laboratorio della cooperativa Coislha © Massimo Rizzo
Il progetto dell’azienda Terre Prossime valorizza i terreni agricoli nel territorio comunale. I cittadini hanno partecipato alla semina e al raccolto, mentre la trasformazione è opera delle persone detenute nel carcere “Due Palazzi” To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale carta + digitale, Annuale...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.