Ambiente / Attualità

C’è un’aria irrespirabile

L’inquinamento dell’aria da PM10 in Italia non dipende solo dall’utilizzo dei combustibili fossili nel settore dei trasporti. I sistemi di combustione “non industriali” (come le caldaie per il riscaldamento alimentate a biomasse), danno un contributo quattro volte maggiore. Lo spiega l’inventario delle emissioni redatto dall’ISPRA
Tratto da Altreconomia 192 — Aprile 2017
La città di Milano avvolta dallo smog. Il 20 febbraio di quest’anno si è toccato il picco di Pm10 pari a 92 microgrammi per metro cubo: il doppio del livello massimo fissato dal Protocollo regionale sulla qualità dell’aria - foto di Stefano Porta / ANSA
ANSA/STEFANO PORTA
La città di Milano avvolta dallo smog. Il 20 febbraio di quest’anno si è toccato il picco di Pm10 pari a 92 microgrammi per metro cubo: il doppio del livello massimo fissato dal Protocollo regionale sulla qualità dell’aria - foto di Stefano Porta / ANSA ANSA/STEFANO PORTA

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia