Esteri / Reportage

Viaggio in Uruguay a otto anni dalla legalizzazione della cannabis

Dal 2013 lo Stato sudamericano autorizza a produrre, consumare e vendere cannabis a scopo ricreativo. La legge voluta da Pepe Mujica ha colpito il narcotraffico ma per i piccoli produttori e gli attivisti è tempo di aggiornarla

Tratto da Altreconomia 237 — Maggio 2021
In Uruguay chi si registra per la coltivazione domestica di cannabis è autorizzato a piantare al massimo sei piante per un totale di 480 grammi per ogni raccolto © Mauricio Zina
Dal 2013 lo Stato sudamericano autorizza a produrre, consumare e vendere cannabis a scopo ricreativo. La legge voluta da Pepe Mujica ha colpito il narcotraffico ma per i piccoli produttori e gli attivisti è tempo di aggiornarla To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale, Annuale...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.