Altre Economie / I nostri libri

Non perdiamo il filo di canapa. Un libro stupefacente, o anche no

La cannabis sativa è una pianta rivoluzionaria. Non solo per i suoi principi attivi ma per la duttilità dei suoi impieghi in campo terapeutico, alimentare, tessile, industriale. Il suo “rinascimento” è appena all’inizio
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
C'è una rivoluzione in corso. La canapa è una coltura che per un lungo periodo è stata eclissata, vittima e di una pervicace demonizzazione da parte di petrolieri e benpensanti, che la vedevano come una minaccia, rispettivamente per i loro profitti e alla morale pubblica. Nel primo caso perché poteva essere un’alternativa ai prodotti derivati dal petrolio, nel secondo per gli effetti psicotropi del suo principio attivo, il THC. Ma oggi assistiamo a un suo vero e proprio “rinascimento”: la...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia