Interni

Tagli ai Comuni: se un’assessore è costretta allo sciopero della fame

Pubblichiamo il messaggio "disperato" che l’assessore ai servizi sociali di Lodi, Silvana Cesani, ha inviato ai cittadini della sua città

Carissimi/e,
                           in questi giorni ho deciso di aderire allo sciopero della fame. Il perchè è semplice: è ben evidente che la crisi economica sta portando ad un progressivo impoverimento un grande numero di persone e di famiglie.
Dal mio osservatorio ho la consapevolezza che tale situazione sia destinata ad aggravarsi, soprattutto in relazione ai tagli previsti dalla manovra finanziaria nei trasferimenti agli Enti Locali.
A questi si aggiungono, drammaticamente, i tagli al settore delle politiche sociali e della non autosufficienza che sono attualemte in discussione in Parlamento.
Parliamo di tagli importanti:

  2008 2011
Fondo Nazionale Poilitiche Sociali 929 Milioni 75 milioni
Fondo per le Politiche della Famiglia 346 milioni 52 milioni
Fondo per le Politiche Giovanili 137 milioni 32 milioni
Fondo per l’inclusione degli Immigrati 100 milioni zero
Fondo per la non Autosufficienza 300 milioni zero
Fondo Affitti 205 milioni 33 milioni

 

e così per altri fondi (infanzia, pari opportunità ecc)
 
Con questo quadro di riferimento è chiaro che non solo le persone e le famiglie si troveranno ad affrontare una situazione drammatica, ma vedo il rischio di implosione del sistema di protezione sociale che è stato messo in piedi. Quesl sistema integrato, pubblico-privato sociale, che pure con difficoltà abbiamo cercato di avviare nel nostro territorio. Azione, questa, certamente non ancora compiuta ma che ha permesso di riconoscerci reciprocamente e di stare dentro ad un percorso che vede una serie di risposte date ai bisogni sociali locali.
 
Dentro a questa situazione sento tutta la responsabilità del ruolo che ricopro e penso che sia necessario non tacere.
Per questo ho aderito allo sciopero della fame, atto puramente simbolico per la portata della situazione, ma penso e spero che i gesti possano ancora avere un significato.
 
Con cordialità
                        Silvana Cesani

 

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia