Diritti / Approfondimento

Salute mentale: le persone al centro, nel segno di Basaglia

Nuove sfide e buone pratiche della presa in carico del disagio psichico, a quarant’anni dall’entrata in vigore della legge 180 che aveva previsto la chiusura dei manicomi e il superamento dell’equazione tra malattia mentale e pericolosità sociale
Tratto da Altreconomia 203 — Aprile 2018
Ragazzi con disagi di natura psichiatrica, lavorano nel terreno confiscato alla camorra e coltivato biologicamente. (© Mauro Pagnano)
Ragazzi con disagi di natura psichiatrica, lavorano nel terreno confiscato alla camorra e coltivato biologicamente. (© Mauro Pagnano)
Sugli undici ettari di terreni confiscati alla camorra a Casal di Principe è tornata a vivere un’antica tradizione: piantine di vite asprinio -un vitigno autoctono- coltivate accanto a giovani pioppi, che ne diventano il supporto negli anni a venire. Il recupero della tecnica della “vite maritata a pioppo” fa parte del progetto avviato nel 2005 dalla cooperativa “Eureka” nella cogestione dei “PTRI” (Progetti terapeutici riabilitativi individuali) attivati dall’Asl di Caserta a favore di persone con problemi di salute mentale. Uomini...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia