Diritti / Reportage

Repubblica Dominicana, clima di apartheid per chi ha origini haitiane

Dal 2013 cittadinanza di fatto negata a tutti i figli di stranieri residenti non ufficialmente, pur se nati nel Paese caraibico. A farne le spese la parte più vulnerabile della popolazione: quella proveniente dall’altra parte dell’isola
Tratto da Altreconomia 200 — Gennaio 2018
Mercedes Ferdini guarda verso la porta d’entrata dall’interno di casa sua nel Batey Yacot, nella periferia nord-ovest di Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, il 26 novembre 2017. (Foto di Alessandro Vecchi)
Mercedes Ferdini guarda verso la porta d’entrata dall’interno di casa sua nel Batey Yacot, nella periferia nord-ovest di Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, il 26 novembre 2017. (Foto di Alessandro Vecchi)
Mercedes Ferdini, detta Mercedita, ha 32 anni e 5 figli. Nata nel Batey Yacot, periferia Nord-Ovest di Santo Domingo, capitale della Repubblica Dominicana, Mercedita non ha mai conosciuto la madre ed è stata cresciuta dalla zia paterna insieme ad altri 8 figli. Mercedes ha tentato più volte di ottenere la cittadinanza dominicana, senza riuscirci. Questo perché l’ufficio anagrafico, partendo dal colore -scuro- della pelle di Mercedes, ha dedotto che fosse figlia di una haitiana. La Costituzione dice che basta un...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia