La posta in gioco

Come cambiare Cassa depositi e prestiti: manifesto per una nuova finanza pubblica e sociale in Italia di Luca Martinelli e Antonio Tricarico
ISBN 9788865160992

Prezzo: 5,90

I soldi per uscire dalla crisi ci sono e sono i nostri. Ce li ha Cassa depositi e prestiti: è il “salvadanaio” degli italiani e raccoglie 235 miliardi di euro, il risparmio postale dei cittadini.

Ma la nonna che apre un libretto postale – e suo nipote – non hanno idea di dove finiscano i loro soldi: i risparmi di 24 milioni di italiani – raccolti da Poste italiane – sono gestiti da Cdp, che con i nostri soldi potrebbe aiutare l’Italia a uscire dalla crisi, se soltanto guardasse al “bene comune” e non solo al profitto.

La Cassa – Cdp, il suo acronimo – deve tornare a essere la banca degli enti locali e a promuovere il risparmio locale e “di scopo”, come propone il “Forum per una nuova finanza pubblica e sociale”. La posta in gioco è il nostro futuro.

Luca Martinelli è giornalista di Altreconomia. Autore di Imbrocchiamola, L’acqua (non) è una merce, Le conseguenze del cemento, Salviamo il paesaggio (Altreconomia). Cura il blog www.altreconomia.it/leconseguenzedelcemento

Antonio Tricarico
è responsabile del programma Nuova finanza pubblica dell’associazione Re:Common (www.recommon.org). Tra i promotori del “Forum per un nuova finanza pubblica e sociale”. Collabora con il manifesto  

Recensioni

Qui l’intervista all’autore Luca Martinelli per Radio Città del Capo

Qui la recensione uscita su News Town

QUI la recensione pubblicata sul sito http://www.gadlerner.it

Qui la recensione pubblicata sul sito di Slow Food

Qui la recensione pubblicata su Terra Nuova

Gli autori

Luca Martinelli

È nato nel 1980 nel territorio della Doc Colline Lucchesi, da genitori astemi. Cresciuto in campagna, da piccolo ha visto estirpare dal padre la vigna di famiglia, prima di poter capire che invece a lui avrebbe fatto comodo. Scoperto tardi il vino, ha preso la rincorsa. Fondamentali nella sua formazione i due anni e mezzo a Torino, condividendo casa con un’amica del Roero e l’incontro con sua moglie Marianna, che nel suo appartamento di Milano teneva bottiglie di Aglianico con la dicitura a mano “Taurasi” (il suo paese in Irpinia ma anche una DOCG). Con queste basi, è partito alla scoperta dei vitigni italiani, “valorizzando” il lavoro su paesaggio e territorio portato avanti da giornalista e autore di libri nella redazione di Altreconomia (2006- 2017). Oggi collabora con la Repubblica e il Manifesto (anche nell’inserto ExtraTerrestre).