Interni / Approfondimento

Politiche sociali: l’opportunità della coprogettazione

Introdotto nel nostro Paese nel 2000, lo strumento di “sussidiarietà orizzontale” tra pubblico e terzo settore stenta a decollare. Eppure introduce un principio innovativo: il privato non “eroga” un servizio ma lo “costruisce” con gli enti locali
Tratto da Altreconomia 190 — Febbraio 2017
L’attività di educativa di strada durante l’evento “Popolandomi” organizzato a Milano dall’associazione Villa Pallavicini - Archivio COMIN
L’attività di educativa di strada durante l’evento “Popolandomi” organizzato a Milano dall’associazione Villa Pallavicini - Archivio COMIN
I ragazzi del Parco sono stati i protagonisti del progetto. Abbiamo lavorato sui loro desideri, i loro interessi. Li abbiamo incontrati, ascoltati, coinvolti nell’organizzazione di eventi, laboratori e iniziative”. Anna Monti fa parte della cooperativa sociale milanese COMIN (www.coopcomin.org), nata a Milano nel 1975 e che oggi conta 205 soci. Quando descrive il progetto di “educativa di strada” di cui è coordinatrice, partito nel 2014 e condotto nella zona 2 del capoluogo, nel Parco della Martesana, insieme ad altre due...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia