Interni / Attualità

Paradosso Anac: tutti la cercano, ma non sempre ha poteri adeguati

A cinque anni dalla nascita -ma sono tre quelli operativi- l’Autorità nazionale anticorruzione è sommersa da segnalazioni non pertinenti alla sua attività. E quando propone modifiche legislative spesso rimane inascoltata dalla politica
Tratto da Altreconomia 194 — Giugno 2017
Raffaele Cantone, magistrato, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) dal 2014 - © Simona Granati/Buenavistaphoto
Raffaele Cantone, magistrato, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) dal 2014 - © Simona Granati/Buenavistaphoto
C'è stato chi le ha segnalato la condizione fatiscente del palazzetto dello sport di San Giorgio del Sannio, in provincia di Benevento. O chi, dal Comune di Pozzuoli, ha lamentato la “limitazione della panoramicità” di un immobile per colpa di una costruzione abusiva. Da un condominio di Valeggio sul Mincio (VR) è partita una denuncia per “schiamazzi da bar” mentre da una località non specificata una signora ha spedito una “confusa nota” in cui se la prendeva con alcuni sindacalisti. Queste...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia