Diritti / Attualità

L’Orchestra dei braccianti che mette in musica il lavoro nei campi

Il complesso è formato da diciotto artisti provenienti da nove Paesi, alcuni dei quali vivono ancora nei ghetti. Le note raccontano le loro storie, per far conoscere e denunciare il problema del caporalato e dello sfruttamento

Tratto da Altreconomia 210 — Dicembre 2018
Un momento del concerto dell'Orchestra dei braccianti © Terra Onlus

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia