Diritti

Nell’inferno della guerra privata

 Un dossier per capire un fenomeno di sempre maggiore importanza

I cosiddetti "nuovi mercenari" stanno continuando a destare un certo interesse nell’opinione pubblica: dopo la grande attenzione mediatica durante le prime fasi della guerra in Iraq ci si concentra ora sul loro possibile ruolo nel controllo dei mari infestati dai pirati. In realtà il fenomeno è così complesso che continuare a parlare di mercenariato (sia in senso classico che moderno) è davvero fuorviante e non aiuta a comprendere una dinamica che sta invece diventando sempre più centrale nella gestione della guerra e della "sicurezza" mondiale. 

Compagnie articolate ed organizzate, interessi e lobbies incrociati, grande commistione fra economia e politica con lo sfondo costellato delle pressioni del complesso militare-industriale. Ecco il terreno su cui si muovono questi attori protagonisti del nuovo corso degli affari militari, personaggi che stanno erodendo giorno dopo giorno il potere sovrano degli stati nel cuore stesso delle loro prerogative.

Il lavoro di analisi qui allegato è un tentativo di capire la situazione e riuscire a districarsi in un terreno non certo facile.

Il dossier è stato curato per Mosaico di Pace (la rivista promossa da Pax Christi) da Francesco Vignarca con il contributo di Antonino Adamo e Pierpaolo Lio.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia