Diritti / Approfondimento

È l’ingiustizia sociale la principale causa di morte al mondo

Nell’Unione europea le disuguaglianze comporterebbero fino a 707mila morti all’anno, e riducono l’aspettativa di vita più dell’eccesso di alcol. Non sono l’effetto di stili di vita sbagliati, ma di una precarizzazione di ogni tipo di relazione
Tratto da Altreconomia 193 — Maggio 2017
Una “clinica mobile” di Medici Senza Frontiere a Pavlopil, in Ucraina
Una “clinica mobile” di Medici Senza Frontiere a Pavlopil, in Ucraina
Giacomo ha 41 anni e fa il commesso in un supermercato. È precario e lavora per lo più a chiamata facendo turni anche di notte. Non sa che con la sua condizione lavorativa e con un reddito basso ha il 42% di possibilità in più di morire prematuramente rispetto al suo datore di lavoro. L’Organizzazione mondiale della salute (OMS) ha individuato in alcol, fumo, obesità, diabete, sedentarietà, alto consumo di sale e ipertensione le principali cause di malattie non trasmissibili,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia