Diritti

L’emergenza antiziganismo

L’assalto a un campo rom per "vendicare" un’aggressione (peraltro falsa) mostra quale sia la vera emergenza che si vive in Italia, a pochi giorni di distanza dall’annullamento, deciso dal Consiglio di stato, della cosiddetta "emergenza nomadi". Sul tema, da leggere il nostro libro "Parole Sporche"

Il pogrom di Torino, con l’assalto a un campo rom motivato dal desiderio di vendetta per una presunta violenza – in realtà inventata – subita da una ragazzina torinese ad opera di "due nomadi" non meglio identificati, mostra a chiunque non voglia nascondersi dietro alibi o inverosimili minimizzazioni, che in Italia c’è davvero un’emergenza con riguardo al popolo rom: è l’emergenza antiziganismo.

Pochi giorni fa il Consiglio di stato ha finalmente cancellato la dichiarazione di "emergenza nomadi" che due anni fa permise al ministero degli Interni – guidato dal più estremista fra i ministri di destra di tutta Europa, Roberto Maroni – di avviare una campagna istituzionale di discriminazione che ha molte analogie con le pratiche razziste che hanno caratterizzate varie fasi della storia europea.

Il concetto di "emergenza nomadi" è di per sé un’insensatezza: non può costituire un’emergenza l’esistenza di una popolazione: l’emergenza non può che essere collegata a fatti, comportamenti, eventi naturali. E’ appunto un’emergenza la facilità – quasi un automatismo – con la quale si scaricano su gruppi umani specifici – e i rom sono storicamente fra i preferiti – il disagio sociale, le tensioni politiche della società maggioritaria.

Il pogrom di Torino ha suscitato poco scandalo: viene percepito dai più come una fatalità, basti vedere quanto è stata debole la reazione delle autorità locali e nazionali, qualche dichiarazione annoiata e poco più. Anche questa condotta fa parte dell’emergenza antiziganismo che affligge il  nostro infelice paese.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia