Diritti / Attualità

Tra sfruttamento e bassi salari, le lotte delle lavoratrici domestiche

Mancanza di tutela legale, orari di lavoro massacranti, abusi e una filiera di reclutamento opaca. Per l’ONU si tratta di una delle categorie professionali più vulnerabili, formata soprattutto da donne, migranti e bambini
Tratto da Altreconomia 198 — Novembre 2017
Una protesta dei lavoratori stranieri a Beirut, (Libano) il 1° maggio 2016 per chiedere il miglioramento delle condizioni di lavoro. 
Si calcola che 
nel Paese ci siano più di 200mila migranti che svolgono questa professione
Una protesta dei lavoratori stranieri a Beirut, (Libano) il 1° maggio 2016 per chiedere il miglioramento delle condizioni di lavoro. Si calcola che nel Paese ci siano più di 200mila migranti che svolgono questa professione
L'11 ottobre 2017, la stampa birmana ha riportato la notizia della morte di una giovane concittadina, Ma Wyne Wyne Lal, caduta dal diciottesimo piano di un grattacielo di Singapore dove lavorava come domestica. Già nel maggio e giugno 2017 il Paese era stato scosso dalle notizie di altre due ragazze cadute dai piani alti dei palazzi dove lavoravano nel tentativo di sottrarsi a maltrattamenti dei propri datori di lavoro. La Birmania, secondo la Myanmar oversea employment agencies federation (Moeaf), avrebbe...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia