Diritti

La sicurezza dei rom

Perfino il commissario europeo Franco Frattini è costretto a riconoscerlo: “La prima preoccupazione delle popolazioni rom europee – ha detto alla conferenza sui rom in corso a Roma – è la loro sicurezza personale a causa del crescente sentimento di…

Perfino il commissario europeo Franco Frattini è costretto a riconoscerlo: “La prima preoccupazione delle popolazioni rom europee – ha detto alla conferenza sui rom in corso a Roma – è la loro sicurezza personale a causa del crescente sentimento di pregiudizio e di intolleranza”. Frattini, pochi mesi fa, è stato oggetto di una censura formale da parte del parlamento europeo per una sua intervista dai contenuti molto sbrigativi sui metodi da utilizzare di fronte al fenomeno migratorio: si era nel pieno della “caccia ai rom” e Frattini, da buon politico, non perse l’occasione per partecipare alla gara della sparata.
Stavolta ha scelto una linea più riflessiva, forse aiutato dal contesto (un convegno molto serio e molto importante, a quanto pare), e ha finalmente affrontato il tema della sicurezza in modo razionale. Durante il convegno romano alcuni rappresentanti delle popolazioni rom e sinti hanno definito “disperata” la loro situazione, segnalando il peggioramento avvenuto negli ultimi mesi, a forza di campagne politiche e di stampa, sgomberi, espulsioni, provvedimenti vessatori.

Siamo a pochi giorni dal “giorno della memoria” dedicato allo sterminio nei lager nazisti di ebrei, rom, omosessuali e minoranze varie e l’Europa si trova ad affrontare il suo eterno razzismo verso gli zingari: fra le tante cose, servirebbe a quetso punto una controcampagna politica e informativa sugli zingari, le periferie e la questione della sicurezza. Dovrebbero occuparsene quelle stesse istituzioni che negli ultimi mesi hanno soffiato sulle braci del razzismo latente. Frattini non può cavarsela con una frase, e con lui dovrebbero agire sindaci, leader di partito, ministri. Non serve nemmeno fare nomi, li conosciamo tutti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.