Interni / Opinioni

La mafia s’è fatta impresa, e pure banca

In Lombardia, un imputato su 4 per associazione di tipo mafioso è un imprenditore. E a Trapani finisce in amministrazione giudiziaria un istituto di credito
Antonino Piero Mancuso, presidente della Bcc di Paceco, nel trapanese, commissariata per sei mesi a fine novembre dal tribunale di Trapani, su proposta della Dda di Palermo
Antonino Piero Mancuso, presidente della Bcc di Paceco, nel trapanese, commissariata per sei mesi a fine novembre dal tribunale di Trapani, su proposta della Dda di Palermo
Le mafie agiscono come imprese e come banche. Attraverso specifiche attività di corruzione e di riciclaggio di denaro sporco, le cosche investono e prestano denaro, sia in Italia che all’estero, mirando ad appropriarsi e a controllare settori importanti del sistema economico. Tra i vari indicatori di questo trend, possiamo considerare i dati dell’ultimo Rapporto dell’Unità di informazione finanziaria della Banca d’Italia, pubblicato a luglio 2016. Nel 2015 sono state più di 82 mila le operazioni finanziarie sospette a testimonianza di...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti e ricevi la newsletter settimanale di Altreconomia