Diritti

Italia incompresa

Il ministro degli Interni, Roberto Maroni, è costretto a periodiche smentite delle critiche – pesanti – che piovono sull’Italia in materia di diritti umani e trattamento delle minoranze, in particolare migranti e rom. L’ultimo episodio coinvolge la commissione diritti umani…

Il ministro degli Interni, Roberto Maroni, è costretto a periodiche smentite delle critiche – pesanti – che piovono sull’Italia in materia di diritti umani e trattamento delle minoranze, in particolare migranti e rom. L’ultimo episodio coinvolge la commissione diritti umani del consiglio d’Europa, che ha diffuso un imbarazzante (per l’Italia) rapporto sulle condizioni di vita nei campi rom e sulle discriminazioni e le violenze attuate da gruppi di cittadini e forze dell’ordine.
Ogni volta Maroni replica che all’estero non hanno capito bene qual è la situazione italiana e che hanno frainteso, lasciando anche intendere che c’è un pregiudizio verso il governo italiano. Gli interventi di Maroni, e la loro frequenza, hanno un sapore strano: ricordano sempre più gli imbarazzati dinieghi, le deboli e confuse proteste, che provengono da regimi e satrapi di paesi ben conosciuti per essere poco democratici, incapaci di garantire i diritti e le libertà fondamentali ai propri cittadini.

E’ davvero un brutto spettacolo ma dà la misure del pericoloso tunnel nel quale ci troviamo.

Newsletter

Ogni settimana l'informazione indipendente di Altreconomia