Esteri / Attualità

Il ricordo di Srđan Aleksić vive a trent’anni dalla guerra in Bosnia

Il 27 gennaio 1993 a Trebinje, nella Repubblica serba di Bosnia ed Erzegovina, Srđan Aleksić veniva ucciso per avere salvato un amico bosgnacco. Nell’area dove tornano a soffiare venti secessionisti, è un simbolo di chi rifiuta la guerra

Tratto da Altreconomia 246 — Marzo 2022
Una vista della città di Trebinje © Marcus Saul via Flickr (CC BY 2.0)
Il 27 gennaio 1993 a Trebinje, nella Repubblica serba di Bosnia ed Erzegovina, Srđan Aleksić veniva ucciso per avere salvato un amico bosgnacco. Nell’area dove tornano a soffiare venti secessionisti, è un simbolo di chi rifiuta la guerra To access this post, you must purchase Annuale con Mosaico di Pace, Annuale con Azione non violenta, Annuale con Gaia, Annuale con Nigrizia, Annuale "Amico" di Altreconomia, Annuale estero carta + digitale, Biennale carta + digitale, Trimestrale carta + digitale, Annuale digitale,...

Per accedere a questo contenuto abbonati o acquista la rivista in digitale


Hai già acquistato la rivista o sei abbonato? Accedi per usufruire dei contenuti.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter di Altreconomia per non perderti le nostre inchieste, le novità editoriali e gli eventi.